Il 2013 si preannuncia come un anno molto innovativo per i ciclisti

Il 2013 si preannuncia come un anno molto innovativo per i ciclisti

Non c’è mai stato un momento migliore per guidare! La primavera del 2013 è arricchita da nuove innovazioni per rendere la vita dei ciclisti più facile e il ciclismo più piacevole. Motivati ​​dalla salvaguardia dell’ambiente, dai limiti economici, dalla necessità di progettazioni di biciclette più user-friendly e di buona volontà da parte dei clienti, potresti amare ciò che è in serbo per l’andare in bicicletta quest’anno.

Abbiamo compilato alcune delle novità più interessanti per i ciclisti e possiamo dare un’occhiata a ognuna di esse qui:

1. Il Pump Hub potrebbe segnare l’inizio della fine per le pompe da bicicletta manuali, grazie a un dispositivo automatico di gonfiaggio dei pneumatici che funziona mentre si guida! Progettato dall’ingegnere californiano e appassionato di bicicletta Kevin Manning, il Pump Hub si inserisce perfettamente nella gomma della bicicletta e funziona trasferendo l’aria al sistema di valvole del pneumatico durante la rotazione della ruota. La pressione dei pneumatici è impostata dal pilota. Il pneumatico si gonfia non appena inizia la pedalata e la pompa si spegne una volta che il pneumatico è pieno – un processo che richiede circa un minuto e mezzo. I pneumatici completamente piatti possono essere riempiti semplicemente ruotando la ruota a mano per circa 60 secondi.

2. La Thin Bike è una bicicletta di dimensioni standard che è stata progettata in modo intelligente per rendere più facile il trasporto, il trasporto e lo stoccaggio. La Thin Bike ha una montatura leggera con pedali pieghevoli e un meccanismo a manubrio pieghevole a sgancio rapido. Ci sono molte ragioni per cui una moto sottile può alleviare il mal di testa associato a possedere e utilizzare una bicicletta full size, soprattutto per le persone che vivono in spazi ristretti senza opzioni di archiviazione. L’aggiunta di una trasmissione in carbonio senza grasso alla Thin Bike consente di portarlo su e giù per le scale e sul trasporto di massa senza sporcarsi. Dolce. Progettato dal fondatore di TreeHugger.com Graham Hill, che ha collaborato con Schindelhauer Bikes con sede a Berlino per produrre la Thin Bike.

3. I programmi Bike Share rock. Gli europei hanno goduto di programmi di condivisione di biciclette per decenni, quindi è ora che stiano prendendo piede negli Stati Uniti. Ora, 30 città degli Stati Uniti hanno lanciato programmi di condivisione di biciclette, tra cui Boston, DC, Minneapolis e Chattanooga, solo per citarne alcuni. I programmi di condivisione di biciclette consentono a qualsiasi adulto di noleggiare una bicicletta per spostamenti a breve termine tra stazioni di biciclette designate o banchine disseminate in tutta la città. I programmi di condivisione di biciclette fanno risparmiare denaro agli utenti, alleggeriscono l’uso del veicolo e contribuiscono a ridurre l’impronta di carbonio nel settore automobilistico.

4. Il Cardboard Bicycle Project porta il verde ad un nuovo livello producendo biciclette fatte di cartone resistente e riciclabile. L’ingegnere israeliano e sviluppatore di sistemi Izhar Gafni ha inventato la bici di cartone, rendendola resistente, impermeabile e poco costosa (circa $ 9 per bicicletta) da produrre. Anche se è fatto di cartone, The Cardboard Bicycle sembra fatto di un polimero duro e leggero. La bici è più resistente della fibra di carbonio e può trasportare cavalieri di peso superiore ai 400 chili. Vicino ad essere prodotto in serie, una volta raggiunto il mercato, è possibile acquistarne uno per circa $ 20.

5. La Free Air Company è stata avviata dal proprietario di un grande negozio di biciclette a Hermosa Beach, in California, Steve Collins, che ha deciso di migliorare quella che chiamavano la loro “situazione di tubo flessibile” – un paio di tubi dell’aria lasciati fuori dalla finestra per i clienti da usare. Collins, fondatore e presidente della Free Air Company ha costruito tre stazioni “free air” nel suo garage e le ha installate dove erano posizionate le manichette dei negozi di biciclette. I clienti li hanno adorati e hanno apprezzato il fatto che Collins abbia impostato ogni postazione d’aria libera con istruzioni facili da seguire, eliminando il fattore di intimidazione che si accompagna alla messa in aria dei pneumatici delle biciclette. L’aria libera ha acquistato buona volontà nel negozio di biciclette e ha lanciato la Free Air Company, che produce la Free Air Station ™. I negozi di biciclette possono acquistare queste unità di alta qualità, accurate e affidabili, e Collins dice che se un negozio di biciclette vende solo una bella bicicletta a un cliente attratto dalla Free Air Station, l’unità viene pagata.